Ebookandbook.it

Guide e approfondimenti di interesse pubblico

Come acquistare le porte di casa

Sembra una cosa banale ma in realtà non lo è: scegliere le porte di casa e acquistarle richiede un certo impegno ed attenzione al fine di non sprecare denaro. Oggi parliamo proprio di questo, come acquistare le porte di casa senza sgradite sorprese e spendendo il giusto.

Quale porta scegliere

La scelta della porta non può prescindere dall’ambiente in cui viene posta; in un ambiente ristretto sicuramente la possibilità di utilizzare al massimo gli spazi è una cosa preziosa.

A tale fine è opportuno scegliere una porta che non vada ad occupare spazi di apertura, optando, ad esempio, per una porta a libro o, meglio ancora, per una porta a scomparsa, tenendo conto che con questa soluzione dovrai provvedere all”installazione di un’intercapedine.

La porta a scomparsa, a scorrimento, ha il, pregio di consentire la suddivisione di ambienti senza occupare alcuno spazio e rappresenta anche una scelta esteticamente più che valida ma richiede dei costi di messa in opera che accrescono il costo complessivo del lavoro.

La decisione del tipo di porta da acquistare è fondamentale perché nella costruzione della porta stessa occorre tenere ben conto di ciò che il cliente vuole e quindi provvedere alla costruzione fisica della porta in base a quanto desiderato.

L’acquisto della porta

Una volta deciso il tipo di porta, è necessario prendere accuratamente le misure e annotare ogni dettaglio utile al proprio negoziante per comprendere perfettamente la situazione in cui la porta verrà installata, magari anche con l’ausilio di qualche fotografia.

Tieni conto che un’immagine esplicativa della situazione è meglio di mille descrizioni che potrebbero generare dubbi, incertezze, errori.

In particolare teniamo a ribadire la precisione delle misure in quanto ogni porta viene costruita su misura secondo le esigenze, quindi un errore nel rilievo delle misure genera un errore costruttivo e l’impossibilità di installazione della porta stessa.

L’ordine della porta

Una volta lanciato l’ordine della porta non potrai fare modifiche né in senso dimensionale né in quello estetico, di tipo, eccetera, poiché la porta viene costruita ad hoc.

Sarebbe preferibile che il negoziante stesso facesse un sopralluogo nel locale a cui è destinata la porta per accertarsi di eventuali problemi e sincerarsi delle misure.

In questo modo un errore dimensionale non potrà essere imputato ad un tuo errore e la responsabilità ricade sul negoziante che se ne assume tutti gli oneri.

Tieni conto che dal momento dell’ordine alla fornitura fisica della porta trascorrerà un periodo di circa 30-40 giorni, per cui devi tarare i tuoi progetti secondo questa tempistica.

Gli standard moderni

Tutto quanto detto rispetto alle misure della porta è valido soprattutto nei casi di case datate, ai tempi in cui tutto veniva fatto su misura e non esistevano misure standard.

Oggi le cose sono semplificate in quanto le porte sono di misura standard che consente di non avere problemi di errori nelle misure e anche di avere tempi di fornitura brevissimi poiché le porte che puoi scegliere da catalogo o dall’esposizione sono pronte a magazzino e la fornitura può addirittura essere immediata.

Il costo delle porte

Devi tenere conto che le porte su misura hanno un costo superiore a quelle standard anche dell’ordine del 30%. Per questo, quando è possibile, conviene ricorrere ad una porta standard invece di farla costruire su misura.

Se stai ristrutturando una casa in cui la misura delle porte non è standard e intendi, chiaramente anche cambiare la vecchia porta, conviene adeguare la misura a quelle standard in modo da risparmiare sensibilmente.

Il risparmio, com’è ovvio, è sensibile e maggiore quante più porte hai da cambiare: ogni tre porte, in pratica, ne hai una gratis, che non è poco.

I prezzi vanno dai modelli più economici intorno ai 300 euro o anche meno se riesci ad approfittare di particolari offerte, fino anche a 7-800 euro per le porte di maggiore pregio. Si capisce che risparmiare il 30% in quest’ultimo caso significa tenere in tasca oltre 200 Euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *